Workshop di fotografia con Max Pam

Il workshop è orientato all’individuazione delle relazioni tra spazio costruito e spazio naturale occupato dall’uomo con particolare attenzione agli aspetti legati al concetto di temporaneità dell’abitare, insito nelle località turistiche della fascia litoranea romagnola.
L’interazione tra figura umana e spazio domestico in interno, trovato o creato, metterà in evidenza il senso di transitorietà e provvisorietà, caratteristiche tipiche di molti paesaggi antropici della fascia costiera romagnola assoggettata al ciclo e ai ritmi della stagionalità.
Il workshop avvicinerà i partecipanti alla pratica di “creare un piccolo libro” in un periodo limitato di tempo (tre giorni). Gli scatti realizzati e proposti dagli iscritti saranno visionati, discussi, elaborati e composti nelle pagine di un libro finito.

Immagine 1

20 – 22 settembre 2013
Savignano sul Rubicone

ideazione e cura: Stefania Rössl
coordinamento e cura campagna fotografica e workshop: Massimo Sordi
organizzazione: Circolo Fotografico Cultura e Immagini, Savignano sul Rubicone
coordinamento tecnico e segreteria: Segreteria Associazione Cultura e Immagine
grafica e web editing: Raffaella Sacchetti

Promosso da
Città di Savignano sul Rubicone
ICS Istituzione Cultura Savignano
Università di Bologna, Dipartimento di Architettura
Scuola di Ingegneria e Architettura

 

MAX PAM

Nato a Melbourne nel 1949, Max Pam lascia l’Australia a 20 anni per intraprendere un viaggio in automobile da Calcutta a Londra, esperienza che si rivelerà fondamentale per il suo percorso personale e creativo. Registrando le osservazioni con intensità surreale le sue immagini ci conducono in luoghi avvincenti intorno al mondo, quasi a suggerire un’idea di viaggio metafisico, rappresentazione di una personale lettura del viaggio reale. Il suo lavoro è stato pubblicato in numerose monografie e “carnet de voyage”, tra le principali pubblicazioni Going East (Marval 1992), Indian Ocean Journals (Steidl, 2000), Atlas monograph (T&G publishing 2009) con il quale ha vinto il primo premio per il miglior libro internazionale al Festival PhotoEspaña. Ha esposto in numerosi festival e gallerie internazionali, le sue immagini fanno parte di importanti collezioni pubbliche e private.

 

Advertisements